LA VALLE DELL'INFERNO

Laterina Pergine Valdarno - Terranuova B.ni - Loro Ciuffenna

  • Lunghezza: 28.91 km
  • Livello: medio

Alla scoperta del ciclo percorso...

percorso-d

La Riserva naturale della Valle dell’Inferno e Bandella è un’area naturale protetta della Toscana situata lungo il tratto valdarnese dell’Arno. La Riserva Naturale si sviluppa nel bacino della centrale idroelettrica ENEL di Levane.

La Riserva è caratterizzata da un tratto del Fiume Arno che scorre placidamente nella Valle dell’Inferno e l’Ansa di Bandella, una zona palustre, formatasi nel fondovalle del Torrente Ascione e ai bordi del lago originato dalla costruzione della diga al finire degli anni ’50 per la produzione di energia elettrica.

La leggenda racconta che Dante Alighieri passando da queste parti abbia trovato il traghettatore di nome Caronte che faceva attraversare l’Arno ai viandanti, e dal suo nome e da questi luoghi impervi si sarebbe ispirato per la “Divina Commedia”.

Da visitare Il Borro un piccolo borgo che sorge a 20 km da Arezzo alle pendici del Pratomagno, attraversato da una vecchia strada romana, la via Cassia. Prende il nome dal castello che ha sede a 275 m sul livello del mare; il paese è posizionato nel culmine di una guglia, elemento tipico dell’altopiano valdarnese. Oggi il paese completamente restaurato è di proprietà della famiglia Ferragamo, al suo interno si trovano hotel, ristoranti, spa e nella Chiesa di San Biagio è esposta una copia della Sacra Sindone, identica come riproduzione e grandezza di quella esposta nel Duomo di Torino.

I numeri

Altimetria

Dislivello complessivo 504 m (175 a 307 m)
Ascesa 383 m - Discesa 383 m

Percorrenza

Ad una velocità di 10 km/h il percorso può essere ultimato in 2h 53m 27s

29

Km di lunghezza

504

metri di dislivello

4

Punti di Interesse

2

Soste consigliate

Cibo, arte e tradizioni: il fascino eterno della Toscana

Possiamo darvi un consiglio?

Partite alla scoperta completa del Valdarno, una mobilità lenta che vi permetterà di assaporare paesaggi sempre diversi: le due ruote sono il mezzo ideale per immergersi totalmente nella bellezza della nostra terra.